Regolamento

Per miglior chiarimento del regolamento e della formula del torneo siamo a dare ulteriori informazioni tecniche vincolanti:

Partite: n totale 10 (Europe Cup) o 11 (Champions Cup) per ogni squadra. Le prime 4 classificate di ogni girone di qualificazione disputeranno il torneo denominato “Champions Cup” mentre le 5e – 6e – 7e classificate il torneo denominato “Europe Cup”. Il torneo è riservato ai ragazzi nati dopo 01.01.2010. Solo la società organizzatrice potrà schierare anche ragazzi nati nel 2009. Prestiti non ammessi.

Distinte: ogni squadra dovrà avere un minimo di 10 giocatori ed un massimo di 13/14. La numerazione resterà fissa per tutto il torneo. Solo allenatori, dirigenti e giocatori segnati in distinta potranno scendere in campo.

Obbligo : tutti i giocatori in lista dovranno giocare in ogni partita. A tal proposito gli Organizzatori contano sul Fair Play di tutti gli allenatori. I giocatori in panchina, l’allenatore e dirigenti accreditati dovranno rimanere nelle aree tecniche assegnate. E’ fatto pertanto divieto a tutti di girare intorno le linee del campo. In caso di doppio richiamo l’arbitro potrà allontanare l’allenatore e/o dirigente dal campo.

Durata partite: tutte le partite di qualificazione e di finale saranno di un tempo unico di 20 minuti

Tempo d’attesa: alla squadra che si presenta con ritardo oltre 5’ dall’inizio della sua partita di competenza, sarà data sconfitta a tavolino per 2 – 0 ma questi goal non saranno computati nel calcolo del Rankings. Rispetto degli orari è importante per il buon andamento del torneo visto che in due giorni si disputeranno ben 111 partite!!!!

Cambi: liberi e volanti eseguiti con rapidità dandone cenno all’arbitro che verificherà che entrata del nuovo giocatore venga effettuata dopo uscita del giocatore richiamato in panchina. Si gioca 7 vs 7 su campo ridotto (60 x 33 mt.) e palloni n. 4

Rankings : le classifiche saranno redatte in base ai seguenti criteri: 3 punti per vittoria – 1 punto per pareggio – 0 punti per sconfitta – in caso di parità di punteggio valgono i criteri in ordine elencati:
1 – esito degli incontri diretti
2 – differenza reti sul totale degli incontri disputati nel girone
3 – maggior numero di reti segnali sul totale degli incontri disputati nel girone
4 – in caso di ulteriore parità tra due o più squadre si effettueranno 3 shoot-out 1vs1

Fischio d’inizio: il fischio d’inizio e di termine delle partite sarà dato dal Comitato Tecnico

Calci di rigore: non sono previsti.

Punizioni: tutti i calci di punizione saranno indiretti.

Rimessa laterale: si effettua con le mani e dovrà essere eseguita in maniera veloce (5”) e l’arbitro ne darà cenno con la mano

Portiere: : Il rinvio del portiere può essere effettuato con i piedi o con le mani ma non può mai superare la metà campo, nel qual caso viene data punizione indiretta all’avversario dalla linea centrale. Si invitano le squadre ad evitare il pressing sul portiere al momento del rinvio. In caso di retropassaggio al portiere, quest’ultimo non potrà prenderlo con le mani ma giocarlo con rapidità (5”) solo con piedi. Se lo prende con le mani sarà data punizione indiretta dal limite dell’area stessa. Se in caso di corner il portiere prende con le mani il pallone la rimessa non dovrà superare la metà campo.

Scivolate: sono vietate le scivolate ed entrate violente da retro. In caso di grave intervento in area sarà decisione dell’arbitro concedere punizione indiretta dal limite dell’area stessa.

Arbitri: Da quest’anno tutte le partite saranno dirette da arbitri ufficiali del Centro Sportivo Italiano. Si raccomanda a tutti gli allenatori e dirigenti di evitare discussioni e/o contestazioni all’arbitro vista anche l’età dei giocatori. Il Comitato non accetterà proteste o reclami sulle decisioni prese dagli arbitri.

Termine di ogni partita: le squadre una volta terminata la loro partita sono pregate di lasciare rapidamente libero il terreno di gioco onde permettere rispetto degli orari previsti nel calendario.

Chiamata squadre: 5 minuti prima dell’inizio delle partite il Comitato tecnico avvertirà per altoparlante le squadre che dovranno scendere in campo. Le stesse si posizioneranno all’ingresso del campo stesso.

Per miglior chiarimento del regolamento e della formula del torneo siamo a dare ulteriori informazioni tecniche vincolanti:

Partite: n totale 10 (Europe Cup) o 11 (Champions Cup) per ogni squadra. Le prime 4 classificate di ogni girone di qualificazione disputeranno il torneo denominato “Champions Cup” mentre le 5e – 6e – 7e classificate il torneo denominato “Europe Cup”. Il torneo è riservato ai ragazzi nati dopo 01.01.2010. Solo la società organizzatrice potrà schierare anche ragazzi nati nel 2009. Prestiti non ammessi.

Distinte: ogni squadra dovrà avere un minimo di 10 giocatori ed un massimo di 13/14. La numerazione resterà fissa per tutto il torneo. Solo allenatori, dirigenti e giocatori segnati in distinta potranno scendere in campo.

Obbligo : tutti i giocatori in lista dovranno giocare in ogni partita. A tal proposito gli Organizzatori contano sul Fair Play di tutti gli allenatori. I giocatori in panchina, l’allenatore e dirigenti accreditati dovranno rimanere nelle aree tecniche assegnate. E’ fatto pertanto divieto a tutti di girare intorno le linee del campo. In caso di doppio richiamo l’arbitro potrà allontanare l’allenatore e/o dirigente dal campo.

Durata partite: tutte le partite di qualificazione e di finale saranno di un tempo unico di 20 minuti

Tempo d’attesa: alla squadra che si presenta con ritardo oltre 5’ dall’inizio della sua partita di competenza, sarà data sconfitta a tavolino per 2 – 0 ma questi goal non saranno computati nel calcolo del Rankings. Rispetto degli orari è importante per il buon andamento del torneo visto che in due giorni si disputeranno ben 111 partite!!!!

Cambi: liberi e volanti eseguiti con rapidità dandone cenno all’arbitro che verificherà che entrata del nuovo giocatore venga effettuata dopo uscita del giocatore richiamato in panchina. Si gioca 7 vs 7 su campo ridotto (60 x 33 mt.) e palloni n. 4

Rankings : le classifiche saranno redatte in base ai seguenti criteri: 3 punti per vittoria – 1 punto per pareggio – 0 punti per sconfitta – in caso di parità di punteggio valgono i criteri in ordine elencati:
1 – esito degli incontri diretti
2 – differenza reti sul totale degli incontri disputati nel girone
3 – maggior numero di reti segnali sul totale degli incontri disputati nel girone
4 – in caso di ulteriore parità tra due o più squadre si effettueranno 3 shoot-out 1vs1

Fischio d’inizio: il fischio d’inizio e di termine delle partite sarà dato dal Comitato Tecnico

Calci di rigore: non sono previsti.

Punizioni: tutti i calci di punizione saranno indiretti.

Rimessa laterale: si effettua con le mani e dovrà essere eseguita in maniera veloce (5”) e l’arbitro ne darà cenno con la mano

Portiere: : Il rinvio del portiere può essere effettuato con i piedi o con le mani ma non può mai superare la metà campo, nel qual caso viene data punizione indiretta all’avversario dalla linea centrale. Si invitano le squadre ad evitare il pressing sul portiere al momento del rinvio. In caso di retropassaggio al portiere, quest’ultimo non potrà prenderlo con le mani ma giocarlo con rapidità (5”) solo con piedi. Se lo prende con le mani sarà data punizione indiretta dal limite dell’area stessa. Se in caso di corner il portiere prende con le mani il pallone la rimessa non dovrà superare la metà campo.

Scivolate: sono vietate le scivolate ed entrate violente da retro. In caso di grave intervento in area sarà decisione dell’arbitro concedere punizione indiretta dal limite dell’area stessa.

Arbitri: Da quest’anno tutte le partite saranno dirette da arbitri ufficiali del Centro Sportivo Italiano. Si raccomanda a tutti gli allenatori e dirigenti di evitare discussioni e/o contestazioni all’arbitro vista anche l’età dei giocatori. Il Comitato non accetterà proteste o reclami sulle decisioni prese dagli arbitri.

Termine di ogni partita: le squadre una volta terminata la loro partita sono pregate di lasciare rapidamente libero il terreno di gioco onde permettere rispetto degli orari previsti nel calendario.

Chiamata squadre: 5 minuti prima dell’inizio delle partite il Comitato tecnico avvertirà per altoparlante le squadre che dovranno scendere in campo. Le stesse si posizioneranno all’ingresso del campo stesso.